L’urbanistica vista da sinistra: convegno sabato 10 giugno a Modena

4 giugno 2017 by

L’urbanistica vista da sinistra: convegno sabato 10 giugno a Modena

I partiti, movimenti, liste civiche della sinistra modenese promuovono per sabato 10 giugno dalle 9.00 alle 13.30 presso la palazzina Pucci di via Canaletto a Modena un incontro pubblico sul tema: “Il nuovo disegno di legge urbanistica regionale”.

Sarà l’occasione per parlare della centralità delle città e del loro governo attraverso una pianificazione urbanistica partecipata e cogente e per conoscere e approfondire il nuovo disegno di legge urbanistica della Regione Emilia Romagna pubblicato nelle settimane scorse sul bollettino ufficiale che ha già fatto registrare perplessità e critiche da parte di diversi settori sia politici che tecnici. Un disegno di legge quindi con luci ed ombre. Tra le ombre segnaliamo, ad esempio, lo spostamento del potere di creare diritti edificatori dal Piano Urbanistico, oggi POC, approvato dal Consiglio comunale ad accordi operativi pubblico-privato.

Si tratta di un provvedimento pochissimo conosciuto dai cittadini, ma poco anche dai consiglieri comunali. Essendo il territorio e il suolo una delle poche risorse finite e non rinnovabili nella disponibilità di chi governa le città e i territori di area vasta pensiamo valga la pena di analizzarlo da un punto di vista di sinistra e di avanzare proposte migliorative.

Saranno protagonisti politici della giornata i consiglieri regionali Silvia Prodi di Articolo UNO MDP . Igor Taruffi di Sinistra Italiana, Pier Giovanni Alleva d Altra Emilia Romagna. Ad aprire i lavori sul tema della città contemporanea e dei suoi cambiamenti è stata invitata Luisa Calimani urbanista . Seguiranno interventi di esperti e rappresentanti di Associazioni ambientaliste, economiche e sindacali, forze politiche, il programma dettagliato sarà presentato nei prossimi giorni.

Ad organizzare l’incontro sono tutti i partiti e movimenti  della  sinistra Modenese con l’intento di avviare un processo di azioni comuni  partendo dalle idee, dall’analisi dei problemi concreti e dalla formulazioni di proposte condivise.

Una prima iniziativa concreta  che presentiamo partirà da  domani ed è quella che vedrà impegnati tutti  i consiglieri dei partiti , movimenti o liste civiche organizzatrici dell’incontro di Modena, con l’auspicio che analoga iniziativa venga presa anche dai consiglieri degli altri partiti e movimenti, a presentare mozioni o odg sull’esempio di quello approvato in consiglio comunale di Modena che alleghiamo.

Stante l’importanza strategica del tema per il futuro delle nostre città e territori proponiamo cioè di dedicare una seduta specifica di ogni Consiglio comunale della Provincia di Modena ad approfondire e discutere il nuovo disegno di legge urbanistica , approvare odg o mozioni ed inviarli come opinione dei Comuni all’Assemblea e alla Giunta regionale in modo che se ne possa tener conto prima del dibattito finale. In occasione dell’ Incontro pubblico del 10.6.2017 chiederemo ai consiglieri regionali presenti di promuovere analoghe iniziative in tutti i comuni dell’Emilia Romagna.

Firmato per gli organizzatori:
Alessandra Di Bartolomeo – Sinistra Italiana, Domenico Campana – Gruppo consigliare Per me Modena, Davide Ferraresi – Possibile, Judith Pinnock – Rifondazione Comunista, Eriuccio Nora – Campo Progressista,  Mario Ori – PCI, Paolo Trande – Articolo UNO MDP, Gianluigi Trianni – l’Altra Emilia Romagna

 

Scarica il programma dell’incontro pubblico L’urbanistica vista da sinistra: il nuovo disegno di legge urbanistica regionale


Link utili per approfondimenti:

Dossier sul consumo di suolo in Emilia-Romagna, a cura di Legambiente
Italia Nostra chiede di fermare la nuova legge urbanistica regionale dell’Emilia Romagna
Diciamo no al progetto di legge urbanistica della Regione Emilia-Romagna, a cura di Eddyburg
Consumo di luogo: un instant book per dire no al neoliberismo urbanistico in Emilia-Romagna
Nuova legge regionale urbanistica, Alleva: “La Bassa rischia una nuova cementificazione”
Disegno di legge sull’urbanistica, Alleva: ‘Non ferma lo spreco di territorio’

Share Button