Finale Emilia: Alfano salva Ferioli, ma la responsabilità politica resta...

28 gennaio 2016 di
in
Comunicati, Ricostruzione Post Sisma

Comunicato stampa sulla scelta del Ministro degli Interni Alfano di non procedere allo scioglimento del Comune di Finale Emilia FINALE EMILIA: IL MINISTRO ALFANO HA DETTO NO AL COMMISSARIAMENTO DEL COMUNE. MA LA RESPONSABILITÁ POLITICA RESTA IN CAPO AL SINDACO E AL PD Nonostante i “consigli di scioglimento“, il “diffuso cattivo funzionamento di alcuni settori dell’amministrazione“, la “necessità di evitare che l’Amministrazione rimanga permeabile all’influenza della criminalità organizzata“, tutte frasi contenute nella relazione inviata al Prefetto da parte dei tre commissari che per mesi hanno analizzato le carte del Comune, il Ministro dell’Interno Alfano ha deciso che il Comune di Finale Emilia non sarà commissariato. Si terranno quindi regolari elezioni il 12 giugno prossimo. Finale Emilia non subisce l’onta del commissariamento, e questa è una buona notizia. Ma il quadro che ne esce è...

read more

Sisma Emilia, inaccettabili le condizioni di vita medioevali nei MAP...

22 gennaio 2016 di
in
Comunicati, Diritti, Ricostruzione Post Sisma

Comunicato stampa sulle condizioni di vita all’interno dei Moduli Abitativi Provvisori della bassa modenese colpita dal sisma SISMA, PRC: INACCETTABILI LE CONDIZIONI DI VITA MEDIOEVALI ALL’INTERNO DEI MAP La situazione dei terremotati della bassa modenese lasciati al gelo nei MAP deve riempire tutti di sdegno. Prima si forniscono strutture abitative alimentate esclusivamente da corrente elettrica, poi non si fa nulla per gestire i conseguenti consumi elevatissimi e le bollette insostenibili; ora si tollera che ci siano persone costrette a vivere in quelle scatole di latta con la corrente elettrica staccata perché non sono riuscite a pagarla, il che significa non poter cucinare pasti caldi, non potersi lavare con acqua calda, non poter accendere il riscaldamento. È una situazione medioevale, che ci fa chiedere se sia ancora chiaro a chi ha la responsabilità di governo...

read more

Migranti e ricostruzione? Fabbri sciacallo

23 luglio 2015 di
in
Comunicati, Partito, Ricostruzione Post Sisma

Il capogruppo della Lega Nord in consiglio regionale, Alan Fabbri, invita i i terremotati a chiedere asilo politico. Noi gli rispondiamo che è uno sciacallo! PRC, FABBRI (LEGA NORD) SCIACALLO: I MIGRANTI NON C’ENTRANO NULLA CON LA RICOSTRUZIONE POST SISMA Dare una scadenza allo stato di emergenza per i territori colpiti dal sisma come fa il governo non ha senso, dal momento che l’emergenza sisma terminerà non per via burocratica ma solo quando l’ultimo terremotato sarà rientrato nella propria casa. Ma speculare sulla pelle dei terremotati contrapponendo i loro diritti a quelli dei migranti richiedenti asilo è da sciacalli, e il capogruppo della Lega Nord in Regione Emilia Romagna, Alan Fabbri, dovrebbe solo vergognarsi. Fabbri ha infatti invitato i terremotati a chiedere asilo politico per denunciare la mancata proroga da parte del Governo dello...

read more

Lo Sblocca Trivelle di Bonaccini

17 luglio 2015 di
in
Comunicati, Ricostruzione Post Sisma

Dopo lo Sblocca Italia di Renzi arriva lo Sblocca Trivelle di Bonaccini che apre la strada alla corsa al gas in Emilia Romagna. Trivelle e autostrade: il modello di sviluppo sorpassato e insostenibile che questa giunta ha in mente. PRC EMILIA ROMAGNA: DOPO LO SBLOCCA ITALIA DI RENZI ARRIVA LO SBLOCCA TRIVELLE DI BONACCINI Come se non ci fosse mai stato un sisma la giunta Bonaccini cancella lo stop alle trivellazioni voluto da Errani proprio dopo il terremoto del maggio 2012 e apre la strada alla corsa al gas in Emilia Romagna consegnando il nostro territorio nelle mani delle multinazionali dell’energia. Lo Sblocca Trivelle di Bonaccini è la traduzione locale dello Sblocca Italia di Renzi e produce il risultato di consegnare ogni potere ai petrolieri, le cui concessioni possono arrivare fino a 50 anni...

read more

Ricostruzione: AER e M5S su burocrazia e CAS

30 giugno 2015 di
in
Comunicati, L'Altra Emilia Romagna, Ricostruzione Post Sisma

È stata presentata in Consiglio regionale una risoluzione a firma congiunta dei consiglieri regionali Nanni Alleva (Altra Emilia Romagna) e Giulia Gibertoni (M5S) sul tema della burocrazia nella ricostruzione post sisma e del taglio indiscrimanto del CAS previsto dall’ordinanza n° 20 del Commissario per la ricostruzione Bonaccini. Questo è il comunicato stampa congiunto: SISMA. RISOLUZIONE ALLEVA (ALTRAER)-GIBERTONI (M5S): “VIA OSTACOLI BUROCRATICI CHE RALLENTANO RICOSTRUZIONE. ORDINANZA 20 CANCELLA IL ‘CAS’ E LEDE DIRITTI” Pergiovanni Alleva (AltraER) e Giulia Gibertoni (M5s) hanno presentato una risoluzione all’Assemblea legislativa per chiedere alla Giunta di adoperarsi affinché la Struttura commissariale impegnata sulla ricostruzione post sisma “presenti rapidamente dei provvedimenti, di immediata applicazione, che rimuovano concretamente gli ostacoli burocratici che oggi rallentano la ricostruzione”. I due capigruppo chiedono inoltre che tali provvedimenti, “prima di essere promulgati, vengano discussi con i...

read more

Sulla commissione antimafia a Finale Emilia

13 giugno 2015 di
in
Comunicati, Ricostruzione Post Sisma

Dopo l’operazione Aemilia che, fra gli altri, ha portato agli arresti domiciliari il responsabile lavori pubblici del Comune di Finale Emilia, il Prefetto di Modena invia una commissione d’accesso nel Comune di Finale Emilia per verificare eventuali infiltrazioni mafiose. Comunicato stampa COMMISSIONE D’ACCESSO A FINALE EMILIA: SE LA RICOSTRUZIONE RALLENTA LA RESPONSABILITÁ È DELLA GIUNTA. IL SINDACO FERIOLI LA SMETTA DI FUGGIRE DALLE PROPRIE RESPONSABILITÁ. Mentre la Prefettura invia una commissione d’accesso in Comune a Finale Emilia, il Sindaco Fernando Ferioli sostiene in un’intervista al Carlino che la mafia non c’è, che l’ispezione rallenterà la ricostruzione e che se siamo in questa situazione è solo colpa della malasorte. Parole che dimostrano una volta di più l’approssimazione con cui gestisce l’amministrazione e l’inadeguatezza di giunta e maggioranza a ricoprire il ruolo di governo del Comune di...

read more

CAS: la Regione taglia i fondi a chi è fuori casa

14 maggio 2015 di
in
Comunicati, Ricostruzione Post Sisma

Una ordinanza del Presidente della Regione, nonchè commissario delegato alla ricostruzione Stefano Bonaccini, taglia notevolmente i contributi di autonoma sistemazione a tutte quelle famiglie che sono ancora alle prese con la ricostruzione della propria abitazione e che pertanto sono fuori casa. E’ una decisione che ha il solo scopo di risparmiare fondi sulla pelle dei terremotati. A cinque mesi dal suo insediamento il primo vero provvedimento di Bonaccini non è contro la burocrazia della ricostruzione ma contro i terremotati. Con questo comunicato ci associato alla richiesta della CGIL di modifica di questo ingiusto provvedimento. PRC EMILIA-ROMAGNA, RICOSTRUZIONE POST SISMA: LA REGIONE NON TAGLI I CONTRIBUTI ECONOMICI PER CHI È ANCORA FUORI CASA Il Presidente Bonaccini inaugurò la sua Giunta a San Felice promettendo per l’area del cratere una burocrazia più veloce capace di accelerare...

read more

IMU su case inagibili: cittadini cornuti e mazziati...

23 marzo 2015 di
in
Comunicati, Ricostruzione Post Sisma

IMU SULLE CASE INAGIBILI: CITTADINI CORNUTI E MAZZIATI Non bastano le proroghe, serve una legge organica per la ricostruzione dell’Emilia Il fisco è più veloce della ricostruzione, e così i cittadini della bassa modenese con ancora la casa o il capannone inagibile finiscono per essere cornuti e mazziati. Non ci sono altre parole per commentare il provvedimento contenuto nella legge di stabilità che dal 1 luglio 2015 introduce il pagamento dell’IMU anche sugli immobili inagibili, seppur ridotto al 50%. Ci sentiamo cornuti e mazziati, perché da un lato subiamo un processo di ricostruzione privata lento e farraginoso e dall’altro subiamo un’imposizione fiscale non in linea con le condizioni di un territorio che oltre alla crisi vive il disagio del sisma. A quasi tre anni dal terremoto ancora una volta ci troviamo di fronte a...

read more

Mafia in Emilia: parliamone

3 febbraio 2015 di
in
Comunicati, Partito, Ricostruzione Post Sisma

Martedì 10 febbraio alle ore 21 presso la sede di Rifondazione Comunista a Modena assemblea pubblica per parlare di mafia in Emilia Romagna. L’operazione Aemilia ci dice che mafia e ‘ndrangheta sono parte integrante della nostra realtà. Come partito abbiamo la responsabilità di capire, documentarci e avere gli strumenti per leggere ciò che succede attorno a noi. Per questo appena arrivata la notizia del sistema mafioso emiliano abbiamo subito organizzato questa iniziativa, rivolta in primis ai nostri militanti, ma aperta a quanti vogliono capire com’è stato possibile avere la ‘ndrangheta in casa. La segretaria provinciale Judith Pinnock ne parla con Gaetano Alessi e, in collegamento via Skype, con Giovanni Tizian. GAETANO ALESSI, sindacalista della Cgil di Bologna, giornalista “free lance”, e editorialista di Articolo21. Ha scritto per l’Unità, La Repubblica, La Sicilia, I Siciliani Giovani,...

read more

Ricostruzione: più fatti meno e annunci

3 febbraio 2015 di
in
Comunicati, Partito, Ricostruzione Post Sisma

Da una giunta regionale convocata a San Felice per parlare di ricostruzione ci saremmo aspettati molta più concretezza mentre ha prevalso ancora una volta la politica degli annunci. Vien da dire che la montagna ha partorito un topolino. I dati stessi della Regione ci dicono che ad oggi sono stati erogati appena il 10% delle risorse disponibili per la ricostruzione, che si è intervenuti su un numero limitato di edifici, prevalentemente con danni minori, e che ci sono molte persone che ancora non hanno nemmeno avviato l’iter di ricostruzione. Di fronte a questa situazione non si può perdere tempo, occorre rivedere il modo funzionamento della struttura commissariale, immaginando anche il suo superamento, e servono atti concreti capaci di velocizzare le pratiche della ricostruzione di case e imprese. Purtroppo, ancora una volta, abbiamo assistito a...

read more