Basta con la fallimentare Autostrada Cispadana

12 Agosto 2021 by

Basta con la fallimentare Autostrada Cispadana

“Di fronte all’allarme ONU su cambiamenti climatici diffusi che mettono a rischio la stessa vivibilità dell’uomo su questo pianeta e che stanno già colpendo anche la pianura Padana è sbalorditiva l’insistenza con cui la Regione Emilia-Romagna punta su un’autostrada insostenibile ambientalmente ed economicamente.”

Lo afferma Stefano Lugli – segretario regionale di Rifondazione Comunista dell’Emilia-Romagna – contestando le dichiarazioni dell’assessore regionale Pd, Calvano, che ritiene strategica la soluzione autostradale facendo emergere il finto ambientalismo del Pd e la mancanza di consapevolezza dell’urgenza della transizione ecologica.

“Sono passati 16 anni da quando la Regione ha scelto la soluzione autostradale per la Cispadana e ad oggi l’iter progettuale non è concluso e il piano economico-finanziario è insostenibile: un fallimento sotto gli occhi di tutti” – precisa Lugli.

La soluzione ai problemi di viabilità di bassa modenese e alto ferrarese sta – secondo Lugli – nel collegamento dei tratti di strada Cispadana già realizzati: “sosteniamo l’ipotesi di Cispadana come strada a scorrimento veloce come da progetto interprovinciale del 2004, da realizzare subito utilizzando le risorse già stanziate dalla Regione per l’autostrada”.

“In breve tempo si potrebbe così realizzare il collegamento della bassa modenese con la A22 Reggiolo-Rolo, e dell’alto ferrarese con la A13 a Ferrara sud. Senza dimenticare – prosegue Lugli – che proprio il potenziamento ed ammodernamento della tratta ferroviaria Ravenna-Ferrara-Poggio Rusco, già avviato dalla Regione come citato dallo stesso Calvano nell’intervista apparsa oggi, è la vera soluzione per collegare il nostro sistema produttivo con il resto d’Europa.”

Infine una considerazione di Stefano lugli sui 200milioni di € che il Governo metterebbe per l’autostrada Cispadana: “come affermato dallo stesso presidente di Autostrada Regionale Cispadana, Pattuzzi, i fondi non risultano in nessun atto ufficiale governativo, sono solo un auspicio, e ad ogni modo non sono sufficienti a riequilibrare un’opera da 1,5miliardi di € e di cui già oggi è certa l’insostenibilità in fase di esercizio. Pattuzzi si è candidato sindaco di Pavullo, se è così sicuro del futuro della società Autostrada Regionale Cispadana perché vuole lasciare questo incarico?”

Share Button