Fabbriche non essenziali aperte: la prefettura disponga controlli a tutela dei lavoratori...

2 Aprile 2020 di
in
Comunicati, Lavoro, Sanità e Salute

Leggiamo con grande preoccupazione la denuncia della Cgil di Modena pubblicata dalla Gazzetta di Modena secondo la quale almeno 2.000 aziende modenesi che dovrebbero essere chiuse perché non impegnate in attività essenziali sono in realtà aperte grazie ad una semplice comunicazione inviata alla Prefettura di Modena. È evidente che queste aziende, e le loro associazioni di categoria, non comprendono la gravità dell’emergenza sanitaria in corso e i rischi per i lavoratori di diventare vettori del contagio, innanzitutto nei confronti dei loro famigliari. Fermare le attività non essenziali è un atto di responsabilità sociale e Rifondazione Comunista chiede alla Prefettura di disporre immediati controlli sulle aziende che dichiarano di svolgere attività essenziali. La strage in corso in Lombardia dimostra che la mancata chiusura delle attività ha avuto un ruolo per nulla trascurabile nella diffusione del...

read more

Case di residenza per anziani: ci siamo stancati delle promesse, tutelare ospiti e personale....

31 Marzo 2020 di
in
Comunicati, Sanità e Salute

Il commissario regionale Sergio Venturi ha recentemente segnalato la rischiosità della situazione delle case di residenza per anziani (CRA), e la stampa modenese sta confermando l’alto numero di decessi tra gli ospiti e di contagi nel personale. Questa situazione è causata dall’inadeguatezza delle procedure e dei dispositivi di protezione individuale (DPI), e ciò ha fatto sì che si ammalassero le persone più fragili (pazienti negli ospedali, anziani nelle CRA) e le persone più preziose (medici/infermieri) portando, in Italia, alla morte di oltre 60 medici. Rifondazione comunista ha sempre appoggiato le lotte del personale assistenziale che da tempo rivendica contratti equi e un trattamento dignitoso, non solo dal punto di vista economico. La pandemia sta solo evidenziando, in questo come in altri campi, le scelte sbagliate fatte dai governi degli ultimi decenni, che hanno tagliato...

read more

PRC i sindacati dei pensionati contro la manovra del governo...

28 Dicembre 2018 di
in
Comunicati, Diritti, Lavoro

Comunicato stampa di sostegno al presidio che i sindacati dei pensionati hanno tenuto il 28 dicembre 2018 davanti alla Prefettura di Modena per protestare contro il blocco della rivalutazione delle pensioni. MANOVRA, NO AL BLOCCO DELLE PENSIONI, FATE PAGARE LE TASSE AI RICCHI Rifondazione Comunista con i sindacati pensionati contro la manovra del governo Rifondazione Comunista sostiene la mobilitazione dei sindacati dei pensionati che questa mattina si sono ritrovati in presidio davanti alla Prefettura di Modena nell’ambito della mobilitazione nazionale contro la decisione del governo di tagliare la rivalutazione delle pensioni. Consideriamo sacrosanta la protesta dei sindacati dei pensionati, perché per non far pagare più tasse ai ricchi – come vorrebbe la nostra Costituzione che prevede un sistema fiscale basato sulla progressività delle imposte – si blocca la rivalutazione delle pensioni di lavoratrici e...

read more

Sempre contro muri e gabbie, sempre dalla parte dei più vulnerabili: no al CPR...

7 Luglio 2018 di
in
Comunicati, Migrazioni

In occasione della manifestazione di sabato 7 luglio, organizzata da diverse associazioni, contro l’apertura del CPR a Modena, Rifondazione Comunista ribadisce la propria assoluta contrarietà rispetto a tale decisione, che ritiene anacronistica e scellerata. E’ necessario smettere di gestire il fenomeno migratorio come espressione di uno stato di emergenza e collocandolo nell’ambito della sicurezza pubblica. Va infatti visto come elemento strutturale legato alle condizioni politiche, sociali, ambientali di gran parte del continente africano che rendono impossibile anche la semplice sopravvivenza degli esseri umani, e va collocato nell’ambito delle politiche sociali e culturali. Il modello dei CPR, così come quello dei CARA, va definitivamente abbandonato a favore delle eccellenti esperienze di accoglienza diffusa ad alta autonomia presenti sul territorio, che funzionano laddove viene rispettata, ma anche sollecitata, la concertazione con tutti i soggetti coinvolti, enti...

read more

Rifondazione apre ai delusi di LeU, Pinnock: ‘Uniamo le forze antiliberiste’...

23 Marzo 2018 di
in
Comunicati

La segretaria provinciale Judith Pinnock ha rilasciato un’intervista a La Pressa, che ringraziamo per l’ospitalità. Ci accoglie nella sede di Rifondazione comunista di via Donati a Modena. Un tavolo rivestito in  ecopelle, sulle sedie ancora i volantini elettorali, qualche cartello di Potere al popolo (la sigla con cui Rifondazione si è presentata alle elezioni del 4 marzo). Si respira un clima spartano, ma tutt’altro che di resa. Alle pareti campeggiano ancora orgogliosi i simboli di un passato glorioso e che – i comunisti modenesi – non sono affatto intenzionati a rinnegare. Falce e martello per Judith Pinnock, segretario (o meglio segretaria come si affretta a farsi chiamare) provinciale di Rifondazione comunista Modena, hanno un valore ancora vivo oggi, anzi oggi ancor più vivo dopo il disastro elettorale del Pd liberista di Matteo Renzi. Segretaria, cosa...

read more

Potere al Popolo: ecco i candidati nei collegi di Modena...

22 Gennaio 2018 di
in
Comunicati, Elezioni Politiche 2018, Partito

Sabato 20 gennaio, in piazza XX Settembre a Modena, tra la gente, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dei candidati di Potere al Popolo, che correranno alle prossime elezioni politiche nei collegi plurinominali e uninominali che riguardano il nostro territorio. Le candidate e i candidati sono stati individuati con un percorso partecipato, scelti tra persone che, in questi anni, hanno condiviso lotte locali e nazionali in difesa dei diritti delle persone e dei beni comuni, e che recentemente si sono impegnati nella campagna referendaria, in difesa della Costituzione, contro il tentativo di manomissione che la “riforma” Renzi-Boschi rappresentava. Elio Tavilla, docente di Storia del diritto medievale e moderno presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Modena e Reggio Emilia, nonché direttore scientifico della Biblioteca Giuridica di Modena, è il candidato del collegio uninominale della...

read more

Ceramica Opera di Camposanto. No al licenziamento di un iscritto Si-Cobas...

23 Dicembre 2017 di
in
Comunicati, Lavoro

Il licenziamento del lavoratore della ceramica Opera di Camposanto, iscritto ai Si-Cobas, rimette al centro la questione lavoro e come anche nei nostri territori, famosi un tempo per la bontà delle relazioni sindacali, sia oramai pratica comune per le imprese utilizzare lo strumento del licenziamento come regolatore delle relazioni sindacali e sociali. Si registrano così anche nella nostra regione sempre più licenziamenti di delegati e lavoratori che, al di la delle motivazioni addotte di volta in volta dalle aziende, tendono a colpire la possibilità stessa delle lavoratrici e dei lavoratori di organizzarsi per poter contrattare e migliorare collettivamente le proprie condizioni di lavoro. È questo il frutto velenoso di una legislazione che attraverso le riforme Fornero e il jobs act, volute dagli ultimi governi, ha determinato la distruzione dei diritti dei lavoratori stimolando gli...

read more

Il fascismo non è un problema di sicurezza

15 Dicembre 2017 di
in
Comunicati, Costituzione - Antifascismo - Resistenza

Comunicato stampa in merito alla manifestazione di Forza Nuova contro lo ius soli in programma venerdì 15 dicembre 2017 a Modena. Cara Prefetta, il fascismo non è un problema di sicurezza. All’indomani della celebrazione dei 70 anni del conferimento della medaglia d’oro al valor militare alla città di Modena, in cui viene ricordato il coraggio e il valore della resistenza partigiana, viene concessa l’autorizzazione ad un presidio contro lo ius soli a soggetti di destra, che non nascondono, anzi rivendicano, la propria matrice fascista. Viene negato solo il corteo, in nome della sicurezza. Ci chiediamo come sia possibile sfoderare un esercito armato contro un gruppo di ragazze e ragazzi che occupano un cinema abbandonato con lo scopo di restituirlo alla città come spazio pubblico e, per contro, non opporsi fermamente ad ogni rigurgito di...

read more

In difesa delle donne vittime di odio e minacce sui social...

7 Settembre 2017 di
in
Comunicati

I social networks si stanno rivelando sempre più terreno di libera scorribanda per chi professa odio, rancori e livore verso l’altro. Tra i bersagli privilegiati le donne, soprattutto se rivestono posizioni di potere, sono famose o sostengono opinioni considerate scomode. I partiti modenesi firmatari di questo documento si uniscono alle tante donne che da anni stanno combattendo contro le regole di Facebook e degli altri social che troppo spesso non interpretano come atti di violenza sessista commenti disgustosi a sfondo sessuale, dove chi scrive non motiva un dissenso né esprime una critica politica, ma con odio e ferocia rigetta le donne che fanno politica al loro essere “solo” corpi e quindi in vendita o da stuprare per la soddisfazione del maschio. Regole che, paradossalmente, invece interpretano come “lesione della privacy” la pubblicazione, da parte...

read more

Rispettare i diritti dei richiedenti asilo ospitati a Modena...

19 Luglio 2017 di
in
Comunicati, Diritti

I richiedenti asilo residenti a Modena riuniti nel collettivo Modena’s Refugees hanno pubblicato un appello, rilanciato dalla Gazzetta di Mdoena, in cui chiedono ascolto e riconoscimeto dei loro diritti. Lo potete leggere qua: «Noi come i poveri chiediamo rispetto» A questo appello, come forze della sinistra modenese, rispondiamo facendo nostra la battaglia per il rispetto dei diritti di tutte le persone, italiane e straniere, che si trovano a Modena. La gestione dei flussi migratori è diventata un alibi per una politica di governo incapace di rispondere ai bisogni dei cittadini e delle cittadine. Serve un approccio razionale e giusto nei confronti di tutti, garantendo i diritti previsti dalla legge. I richiedenti asilo del collettivo Modena’s Refugees, così come tutte le persone ospitate nei centri di accoglienza della nostra provincia, hanno il diritto di ottenere...

read more