Italpizza, no alla repressione sindacale

10 Settembre 2020 di
in
Comunicati, Diritti, Lavoro

Nel silenzio delle istituzioni e delle forze politiche Modena sta andando incontro ad un maxi processo contro lavoratori, lavoratrici e sindacalisti Si Cobas impegnati nella vertenza Italpizza che da novembre 2018 ad aprile 2019 ha tenuto banco in città. La notifica di chiusura indagini trasmessa a 67 persone tra operai e sindacalisti per reati quali manifestazione non autorizzata, resistenza, lesioni, invasioni di edificio, minacce e violenza privata trasforma una città dalla lunga tradizione di lotte operaie nel capoluogo d’Italia della repressione antisindacale. A questi si è aggiunta oggi una seconda tranche di fine indagini per altri 53 procedimenti, facendo salire il numero di imputati a 120. Inspiegabile un tale accanimento a meno che non lo si interpreti come una violenta contrapposizione tra classi. Sì, parliamo di repressione antisindacale perché non ci sono altre parole...

read more

Bonaccini, il reddito di cittadinanza non è un favore da restituire!...

17 Aprile 2020 di
in
Comunicati, Lavoro

La proposta di Bonaccini di mandare a lavorare nei campi chi beneficia del reddito di cittadinanza per far fronte al bisogno di manodopera agricola lo allinea all’idea di ripartenza dei presidenti Fontana e Zaia. Deve essere chiaro a Bonaccini che il reddito di cittadinanza non è un favore da restituire ad uno Stato benefattore ma una misura di contrasto alla povertà accompagnata da percorsi di inserimento lavorativo che in realtà non sono mai partiti. E deve essere chiaro che chi lavora nei campi va assunto con contratti regolari e pagato con salari dignitosi dal datore di lavoro e non certo con il denaro pubblico. C’è un problema di manodopera agricola? La regioni si attivi per garantire percorsi di accesso al lavoro sicuro e nel rispetto dei contratti nazionali di categoria. Facile fare dichiarazioni demagogiche...

read more

Lugli (PRC): aziende aperte in deroga: Rifondazione scrive ai prefetti dell’Emilia-Romagna e chiede controlli e trasparenza su chi è aperto...

8 Aprile 2020 di
in
Comunicati, Lavoro, Sanità e Salute

16MILA DEROGHE RICHIESTE IN REGIONE VANIFICANO IL LOCKDOWN. Il segretario regionale di Rifondazione Comunista Stefano Lugli ha scritto ai Prefetti delle nove province dell’Emilia-Romagna in merito alla riapertura di 16.000 aziende in regione in deroga alla sospensione delle attività non essenziali prevista dal DPCM del 25 marzo 2020. Per l’esattezza sono 15.980 le richieste di deroga inviate alle prefetture dell’Emilia-Romagna. Lo hanno denunciato i sindacati nei giorni scorsi: il pacchetto più corposo è in quota a Modena con 4.000 domande, segue Bologna (3.300), tallonata da ReggioEmilia (2.500). Sotto le duemila richieste le altre province: Parma (1.450), Piacenza e Ravenna (1.300 domande per ciascun capoluogo), Ferrara (1.100), Forlì-Cesena (650) e Rimini (380). Rifondazione Comunista chiede che i Prefetti rendano immediatamente pubblici gli elenchi delle aziende attive, ovvero ricomprese nei codici ATECO del DPCM 25 marzo...

read more

Fabbriche non essenziali aperte: la prefettura disponga controlli a tutela dei lavoratori...

2 Aprile 2020 di
in
Comunicati, Lavoro, Sanità e Salute

Leggiamo con grande preoccupazione la denuncia della Cgil di Modena pubblicata dalla Gazzetta di Modena secondo la quale almeno 2.000 aziende modenesi che dovrebbero essere chiuse perché non impegnate in attività essenziali sono in realtà aperte grazie ad una semplice comunicazione inviata alla Prefettura di Modena. È evidente che queste aziende, e le loro associazioni di categoria, non comprendono la gravità dell’emergenza sanitaria in corso e i rischi per i lavoratori di diventare vettori del contagio, innanzitutto nei confronti dei loro famigliari. Fermare le attività non essenziali è un atto di responsabilità sociale e Rifondazione Comunista chiede alla Prefettura di disporre immediati controlli sulle aziende che dichiarano di svolgere attività essenziali. La strage in corso in Lombardia dimostra che la mancata chiusura delle attività ha avuto un ruolo per nulla trascurabile nella diffusione del...

read more

Il virus va anticipato e non rincorso

28 Marzo 2020 di
in
Comunicati, Lavoro, Sanità e Salute

Cosa si aspetta ad estendere anche alla provincia di Parma, Reggio Emilia e Modena le misure restrittive prese per Piacenza e Rimini? Nei giorni scorsi, seppur in ritardo, dopo Rimini, sono state sospese anche nella provincia di Piacenza, le attività produttive non essenziali rafforzando l’insufficiente decreto a maglie larghe varato dal governo. Questo provvedimento va sicuramente e in tempi rapidi esteso alle province di Parma, Reggio Emilia e Modena, territori nei quali la situazione appare già oggi critica, senza aspettare che si contino le vittime a decine e la situazione diventi emergenziale più di quanto già non lo sia. Lo stesso documento “Priorità per screening diagnostico” della Regione, indica proprio le province di Parma e Reggio come “aree di massima penetrazione” del virus al pari di Piacenza e Rimini. Perché non agire quindi con...

read more

PRC. Pinnock: solidarietà a chi è costretto al lavoro...

16 Marzo 2020 di
in
Comunicati, Lavoro

PRC, PINNOCK: SOLIDARIETÁ A CHI È COSTRETTO AL LAVORO, SOSPENSIONE ATTIVITÁ NON ESSENZIALI UNICA SOLUZIONE PER EVITARE LA DIFFUSIONE DEL CONTAGIO Rifondazione Comunista di Modena esprime la propria vicinanza e solidarietà a quei lavoratori costretti a recarsi sul posto di lavoro nonostante in molte aziende manchino ancora i dispositivi di protezione individuali fondamentali per evitare la diffusione del contagio. È molto grave che il governo, subendo le pressioni di Confindustria, non abbia deciso di sospendere le attività lavorative in tutti i settori non essenziali all’emergenza, unica soluzione per affrontare il contagio e garantire la tutela di lavoratrici e lavoratori. Gli stabilimenti Ferrari, Maserati e New Holland del gruppo FCA hanno sospeso l’attività grazie alla mobilitazione dei lavoratori, ma questa decisione non può essere lasciata alla volontà o alla condizione delle singole aziende ma va...

read more

Ennesimo morto sul lavoro. Basta con le stragi di lavoratori....

11 Marzo 2020 di
in
Comunicati, Lavoro

Ennesimo morto sul lavoro, questa volta all’Italcarni di Migliarina di Carpi dove è deceduto in modo atroce il lavoratore tipico del distretto modenese delle carni: maschio, straniero, dipendente di una cooperativa in appalto. Dall’inizio dell’anno nel nostro paese i morti sul lavoro secondo l’Osservatorio indipendente di Bologna sono 99. Una strage, un bollettino a cui vanno aggiunti anche i gravi incidenti sul lavoro. Le indagini verificheranno le responsabilità, di sicuro, però, questi sono i risultati drammatici del fatto che in Italia manca ancora un piano nazionale per la sicurezza sul lavoro, un paese, il nostro, in cui si riscontrano ancora limiti inqualificabili, ritardi insopportabili e gravi inadempienze legislative. Non solo. L’aumento della precarietà, la paura di perdere il posto di lavoro, ritmi sempre più veloci e flessibili sono elementi che hanno reso il lavoro...

read more

La Befana Comunista ha portato i carbone a Villa Margherita...

4 Gennaio 2020 di
in
Comunicati, Lavoro, Regionali 2020

Questa mattina la Befana comunista di Rifondazione ha portato un bel sacco di carbone alla Direzione di Villa Margherita, residenza per anziani, che, dopo ben 9 anni di mancato rinnovo del contratto, pretende di applicare un contratto peggiorativo, che crea disparità di trattamento con analoghi contratti del comparto socio-sanitario, e che di fatto metterà a rischio la salute di chi lavora con conseguenze anche sulla qualità dell’assistenza rivolta a persone vulnerabili e fragili. Sono tanti i temi che avrebbero meritato il riconoscimento in negativo del sacco di carbone. Troppe vertenze aperte nel territorio modenese, con lavoratrici e lavoratori che si vedono costretti a lottare con tutte le loro forze o contro la perdita del posto di lavoro o contro contratti ingiusti, per non parlare del fenomeno in crescita delle cooperative spurie che basano la...

read more

Gli argomenti di cui non si discute

11 Agosto 2019 di
in
Comunicati, Lavoro

Dal fermento che si riscontra dalle lotte e mobilitazioni che attraversano le fabbriche e i luoghi di lavoro del nostro territorio quali ad esempio Castelfrigo, Vapor Europe, Frama, Italpizza, Ceramiche Martinelli e quella tuttora in atto della Bellentani si può provare a fare alcune considerazioni. La prima considerazione è la totale indisponibilità di tutte le forze politiche presenti in Parlamento nel voler cogliere i motivi che portano i lavoratori a manifestare con coraggio (questo si vero!) per vedere rispettati diritti e dignità (tuttora sempre meno) calpestati sistematicamente dai padroni (non sono datori di lavoro, usiamo i termini corretti) supportati sempre più spesso da azioni repressive delle forze dell’ordine. Anzi quando la politica interviene lo fa con il totale disprezzo di chi lavora, come le affermazioni del sindaco leghista di Sassuolo sulla ricollocazione in Russia...

read more

Solo con la lotta si può vincere.

18 Luglio 2019 di
in
Comunicati, Lavoro

È questo il sunto dell’attuale accordo (manca ad ora ancora il fondamentale passaggio del voto dei lavoratori alle assemblee) siglato questa notte su Italpizza. I contenuti parlano soprattutto di un progressivo processo di assunzione diretta da parte dell”azienda dei lavoratori di cooperativa con l’applicazione del corretto contratto, quello delle aziende alimentari e non della logistica per chi lavora in produzione, con benefici sostanziosi soprattutto sul salario oltre a tavoli specifici sull’organizzazione del lavoro e sulle dinamiche assunzioni/dimissioni. Questo accordo siglato da CGIL CISL e UIL va salutato come un obiettivo fondamentale raggiunto per ridare dignità e diritti, che dovrebbe diventare però l’inizio di un processo virtuoso che si diffonda su tutte le realtà industriali. Occorre altresì tenere monitorato l’evolversi delle scadenze, perché il risultato predetto delle assunzioni dirette si completa nel 2022 e si...

read more