Crollo controsoffitto al dipartimento di fisica.

25 ottobre 2018 di
in
Comunicati, Scuola

 Situazione inaccettabile e conseguenza del disinvestimento nella scuola pubblica Per una amara ironia della sorte proprio nel giorno in cui il Ministro dell’Istruzione Bussetti spiega che la scuola non ha bisogno di fondi crolla una porzione di controsoffitto del Dipartimento di fisica dell’università di Modena. Un crollo che più di ogni parola mette in luce le gravissime conseguenze del prolungato disinvestimento nella scuola per l’incolumità di studenti e docenti e per la qualità stessa dello studio. L’Italia, con una spesa istruzione di appena il 3,6% del Pil, è terzultima in Europa per investimenti nella scuola. Spende in percentuale soltanto più di Romania, Irlanda e Bulgaria e per il 2019 si prevede una discesa della spesa dal 3,6 al a 3,5% del Pil. L’edilizia scolastica nel nostro paese rappresenta una vera e propria emergenza nazionale:...

read more

Cresci@amo paga le conseguenze della privatizzazione...

25 agosto 2018 di
in
Comunicati, Scuola

I problemi che da tempo riguardano la Fondazione cresci@mo hanno una origine ben precisa, ovvero l’affidamento di un bene pubblico, le materne comunali, in mano a soggetti privati. In questo caso parliamo di una fondazione che, sebbene sia interamente pubblica, sia muove come un soggetto privato a tutti gli effetti. La nascita di cresci@mo fu giustificata dalla necessità di tutelare i dipendenti, e quindi il servizio, dai vincoli legislativi imposti dal governo, ma anziché fare le necessarie azioni politiche per mantenere la gestione pubblica la giunta di allora scelse la strada più facile di cedere una decina di materne comunali ad una fondazione. Ciò che sta accadendo oggi ai dipendenti della fondazione cresci@mo era facilmente prevedibile, e ciò dimostra che le privatizzazioni non sono mai scelte soddisfacenti, e per questo noi di Rifondazione Comunista...

read more

Referendum: ma quante firme sono? Tante, ma ne vale la pena!...

12 aprile 2016 di
in
Comunicati, Diritti, Lavoro, Referendum, Scuola

Ne vale la pena, perché sono firme che servono a impedire che la nostra società venga consegnata a 2 “poteri”, alleati tra di loro, contro la stragrande maggioranza delle persone. Il 1° potere è quello del mercato cioè delle grandi multinazionali dell’economia e della finanza. Il 2° potere è quello de “l’uomo solo al comando” che serve per rendere la politica ancora più distante dai bisogni delle persone,  in modo che le decisioni vengano prese nel solo interesse del 1° potere: quello delle grandi multinazionali dell’economia e della finanza! I referendum sono uno strumento importantissimo perché le decisioni sono rimesse direttamente nelle mani delle donne e degli uomini di questo paese, quindi nelle tue mani. Per questo: metti 4 firme X la scuola pubblica Per impedire che aumentino le disuguaglianze tra le scuole, i...

read more

Muzzarelli chiude anche il nido Rubes Triva

19 novembre 2015 di
in
Comunicati, Scuola

DOPO IL NIDO TODI, MUZZARELLI CHIUDE ANCHE IL RUBES TRIVA Il 30 Giugno scorso, in occasione della chiusura del nido Todi, abbiamo espresso la nostra contrarietà alle politiche scolastiche della giunta Muzzarelli. Da allora nulla è cambiato, anzi, oggi è annunciata la chiusura di un altro storico nido di Modena, il Rubes Triva, Ex Bonacini. Contro questa decisione ci uniamo al sit-it che il Gruppo Genitori del Triva e il gruppo consiliare Per me Modena hanno convocato per venerdì 20 novembre davanti all’asilo per dire no alla chiusura. Ripetiamo oggi le stesse considerazioni di allora, chiedendo all’amministrazione di tornare immediatamente indietro sulle proprie decisioni per non privare la città non solo di un servizio necessario, ma anche di un pezzo di storia costato sacrifici e impegno democratico a donne e uomini. La libertà di...

read more

Prc Modena sostiene lo sciopero della scuola di venerdì 13 novembre...

11 novembre 2015 di
in
Comunicati, Scuola

Comunicato di adesione allo sciopero nazionale della scuola promosso dal sindacalismo di base per venerdì 13 novembre 2015. RIFONDAZIONE COMUNISTA MODENA SOSTIENE LO SCIOPERO DELLA SCUOLA DI VENERDI’ 13 NOVEMBRE L’opposizione alla cosiddetta Buona scuola non si ferma. L’attuale legge sulla scuola ha ridotto la rappresentanza di studenti e genitori e ha vincolato con meccanismi di premialità gli insegnanti al dirigente impedendo un lavoro collegiale nella gestione degli istituti scolastici e riducendo gli spazi democratici che hanno sempre caratterizzato le nostre scuole. Ad anno scolastico iniziato si cominciano a vedere i primi effetti della deformazione della scuola voluta da Renzi, con tagli al personale, supplenze bloccate per la mancanza di nomine e concentrazioni inaccettabili di alunni nei nuovi istituti comprensivi della nostra città. In questi giorni a Modena si svolgono le prime assemblee per...

read more

Muzzarelli chiude il nido Todi

30 giugno 2015 di
in
Comunicati, Scuola

Comunicato stampa di Rifondazione Comunista in merito alla chisura del nido Todi decisa dal Sindaco di Modena Muzzarelli LA TELA DI PENELOPE: IL “FARE” DELLE DONNE E IL “DISFARE” DEL SINDACO La libertà di una persona consiste nel poter studiare e nel poter lavorare, in modo da avere la possibilità di esprimersi alla pari, sia in privato che in pubblico. La chiusura dell’asilo nido Todi nega ambedue questi diritti. Nega alle bambine e ai bambini il diritto di sviluppare correttamente la propria socialità, perché anche se i nidi non sono istituzioni educative in senso didattico lo sono certamente in senso educativo. Libertà negata, diritto di ognuna e ognuno trasformato in fortuna e privilegio di alcune e alcuni. Nega alle donne il diritto di esplorare tutte le (poche, oggi) possibilità di accedere al mondo del...

read more

Sciopero della fame contro la buona scuola

18 giugno 2015 di
in
Comunicati, Scuola

Rifondazione Comunista di Modena aderisce e partecipa allo sciopero della fame a staffetta contro il DDL scuola che fa tappa a Modena il 17 e il 18 giugno 2015. Comunicato stampa RIFONDAZIONE COMUNISTA DI MODENA ADERISCE ALLO SCIOPERO DELLA FAME A STAFFETTA CONTRO IL DDL SCUOLA Rifondazione Comunista di Modena aderisce e partecipa allo sciopero della fame a staffetta contro il DDL scuola che fa tappa a Modena fino alle ore 21 del 18 giugno raccogliendo il libretto rosso proveniente dalle piazze di Bologna e Ferrara che sta portando nelle città italiane il dissenso verso il modello di scuola aziendalistica di Renzi e le proposte per una scuola pubblica e laica, democratica e inclusiva. Aderiamo a questa mobilitazione perché la riforma della scuola di Renzi continua, sul solco delle riforma Gelmini, a finanziare la...

read more